home   i grandi del Toro   libri 1906-2010   antiquario  email   Cosa c'è nel carrello       


Notizie
e Appuntamenti
con il Toro

News Toro - Calcio

       

      NUOVO!
      "I giorni del Toro.
      Piccola enciclopedia del Toro giorno per giorno, con la magica matita di Carlin"


      4 maggio 1949 – 4 maggio 2009: sono 60 anni, ormai, che il Grande Torino se ne è andato.

      Abbiamo raccolto in un volume le nostre centinaia e centinaia di notizie inedite
      , sui calciatori, i presidenti, gli uomini del Torino, raccogliendo e riproducendo pazientemente vignette, disegni e ritratti di Carlo "Carlin" Bergoglio.

      Con il patrocinio della Città di Cuorgnè (TO) / Pinacoteca Carlin Bergoglio, la prefazione è di Gian Paolo Ormezzano, allievo di Carlin.

      Dedicato al sessantennale di Superga e al cinquantennale della scomparsa di Carlin, il libro è illustrato con immagini individuate, collezionate e riprodotte pazientemente in due anni di lavoro!

      PRENOTA  QUI LA TUA COPIA!
      Sostieni la nostra newsletter gratuita!  spedizione a fine novembre.

       

       

      Italo Mosso ringrazia 100AnnidiCuoreGranata.it su Quartarete

      Il 18 giugno scorso il nostro profilo su Francesco  "Cesco" Mosso, attaccante/portiere del Torino anni '20, è stato donato al figlio Italo, che ha voluto ringraziarci alla trasmissione di Carlo Testa dedicata al Toro su Quartarete.

                          ● Guarda su YouTube

       

    • Un dì sul tranvai di Aurora Tasso 

      Guglielmo GabettoTutto cominciò sul tram.
      Un uomo distinto si presenta galantemente a una bella signorina e la invita per la domenica pomeriggio: nasce così l’amore tra
      Guglielmo ed Anita
       

      Si illuminavano ancora gli occhi alla vedova di Gabetto, raccontandomi di come aveva conosciuto suo marito, il centravanti del Grande Torino.

      Un appuntamento inusuale, l’invito a vedere una partita di calcio del Torino... con un poco di timidezza mi confessò che non sapeva nemmeno che fosse un calciatore.

      Una storia d’altri tempi, figuriamoci se oggi un calciatore va in giro in tram!

       La signora Anita mi aveva ricevuto a casa sua e mi parlava sfogliando gli album dei ricordi: le foto del matrimonio, dei figli, una partita a bocce in vacanza.
      Non si soffermava sulle foto del calciatore, famoso per la sua sforbiciata in rovesciata che, insieme all’impeccabile eleganza gli valse il soprannome di “barone volante”: guardava quelle dell’uomo, del marito e del padre.

      Una vita felice spezzata allo sbocciare della primavera, il 4 maggio 1949.
      La signora Gabetto era nel suo bar di Via Roma a Torino quando gli giunse la voce che era successo qualcosa: “...dovevano rientrare con l’aereo, allora ho chiamato l’aeroporto, era sempre occupato. Quando riesco a prendere la linea, chiedo se l’aereo del Torino fosse già atterrato e dall’altra parte mi rispondono piangendo: ma non lo sa! Sono tutti morti! L’aereo è caduto.”

      Ho rivisto l’intervista della signora Gabetto, che avevo registrato nel 2006.
      Sono stata molto fortunata ad aver trascorso un pomeriggio con lei, testimone di qualcuno dei suoi ricordi.
      Ho poi saputo che le foto che mi aveva mostrato durante la registrazione erano sconosciute anche agli amici più intimi.

      12 maggio 2009. Anita Gabetto ha raggiunto il suo Guglielmo e ritroverà gli amici più cari.

      Aurora Tasso, regista del documentario "100 Anni di Cuore Granata" e vicepresidente del Torino Club O. Pianelli - Costa Azzurra

       

    • 16-17 maggio: I anniversario Torino Club O.Pianelli - Costa Azzurra

      ImageSi è da poco spenta l'eco delle due giornate  di sabato 28 e domenica 29 marzo a Buttigliera Alta (TO), con mostre fotografiche e storiche sulle Giovanili del Toro e su Pianelli, la commedia "Ma cos'era mai questo Toro", la partecipazione di Campioni di ieri e di oggi, filmati e dibattiti.

      Il 16 e 17 maggio il Club riparte con un altro fine settimana torinese ricco di avvenimenti, per festeggiare il I anniversario della sua fondazione:

      • mostra dedicata a Gigi Meroni nei locali della Basilica di Superga
         
      • pranzo alla Basilica di Superga, ristorante "Ristoro del Priore"
         
      • assegnazione del premio "Orfeo Pianelli" - I edizione a Paolino Pulici. Il premio è assegnato a chi ha tenuto alto il nome del Toro.
         
      • tavola rotonda su Gigi Meroni, alla presenza della sorella Maria, di Cristina Pianelli e Dino Mautone. Moderatore, Franco Ossola.
         
      • gemellaggio tra il Club ed il Toro Club Parigi, ospite il Presidente Renato Zuliani.

         
    • Per chi viene da fuori, la Basilica mette a disposizione alcune stanze nell'area un tempo dedicata al convento, a prezzi molto bassi.
      E' un' ottima occasione per dedicare del tempo a sè stessi nel silenzio e nella riflessione.


    • Leggi i dettagli del programma e diffondi le locandine:
      Programma generalePranzo

      Informazioni: Gianni cell. 338.90.13.625. Chiedi anche come puoi ospitare la mostra presso il tuo Club granata!

     

    • 8-29 marzo 2009: mostra "Pianelli - Il Toro - ieri, oggi, domani" in collaborazione col Torino F.C.

    Il Toro Club Orfeo Pianelli Costa Azzurra, in collaborazione con il Torino F.C. e l’Associazione Volontari “Centro Famiglia “ ONLUS, presenta sabato 28 e domenica 29 marzo a Buttigliera Alta (TO) la prima tappa di una mostra itinerante italiana:

    • La Storia dello stadio Filadelfia
    • Annulli filatelici legati al Grande Torino
    • Mostra storico-fotografica dedicata al Presidente Orfeo Pianelli
    • Mostra storico-fotografica sulle squadre giovanili del Toro, dagli anni ‘20 ad oggi, con il contributo del Settore Giovanile del Torino F.C.
    • Proiezione di un filmato su Orfeo Pianelli
    • Dibattito su presente e futuro delle giovanili, con la partecipazione di G. Camolese, A. Comi, U. Motto, R. Rampanti, S. Vatta, L. Vieri e la moderazione di F. Ossola.
    • Rappresentazione della commedia di S. Gonzatto “Ma cos’era mai questo Toro”

    Si ringraziano per la collaborazione il Torino F.C. e l' Associazione Volontari "Centro Famiglia" ONLUS. Le mostre sono a cura di C. Golè.

    Leggi i dettagli del programma, diffondi le locandine!

    • "100annidicuoregranata.it e toroclub.it tifano assieme"

    Con questo slogan, a partire dal 2009, iniziamo una più stretta collaborazione con www.toroclub.it, uno dei primi siti granata, nato nel 1995.

    Non si tratterà solo di un normale scambio di link o banner ma di una vera e propria cooperazione.

    TOROCLUB.IT

    www.toroclub.it

     

    Il mio Torò 

    E’ uscito il n. 1 de “Il mio Torò”!

    Questo timestrale atipico
    , dal taglio accattivante, ha l'ambizione di raggiungere il cuore di tanti tifosi d' Italia e  oltralpe. La direttrice è Sabrina Gonzatto, autrice del libro
    Ma cos’era mai questo Toro?”,
    da cui è stata tratta anche una riduzione teatrale.


    La veste grafica completamente inedita è stata realizzata da Art-Cafè Adv, studio che cura il prestigioso Torino Magazine.

    Non farti sfuggire questo numero storico!


    Abbonamento e informazioni su toroclubpianelli.eu  - Solo 8 Euro per 4 numeri!

     

    • Il Vino del Poeta del Goal  -  ottobre 2008

    Vini di Claudio Sala, il Poeta del Gol: "Filari del Poeta" 

    Claudio Sala, artefice dell’ultimo scudetto del Toro, centrocampista con 365 presenze, ha vestito 18 volte la maglia della nazionale azzurra,  partecipando ai mondiali del 1978 in Argentina.

    Sala ci presenta ora i vini DOC e DOCG delle sue terre nel Monferrato e nell’Oltrepo Pavese,da uve coltivate con passione.

    Bonarda DOC,  Barbera d’Asti DOC e Barbera Monferrato DOC, Langhe DOC Favorita, ma anche Pinot Chardonnay, Moscato d’Asti DOCG,  Dolcetto di Dogliani DOC:
    100 Anni di Cuore Granata ha il piacere di offrire i vini "Filari del Poeta" a tifosi e appassionati, inviandoli direttamente a casa!

    Avete la possibilità di assaggiare i rossi e i bianchi eccellenti, che, proprio come il campione, hanno classe e carattere.
    Completa il profilo dei vini un’ accurata vinificazione tradizionale, senza alcuna forzatura.


    Ordina ORA i vini di Claudio Sala!
       Fà
    il tuo regalo di Natale su 100 Anni di Cuore Granata!


  • Nuova sede del Toro Club "O. Pianelli" - Costa Azzurra  - 9 ottobre 2008

    Il Toro Club "O. Pianelli" Costa Azzurra inaugura la nuova sede di Torino, in Via Cordero di Pamparato 7, nella zona Piazza Bernini, al centro della città.

    Presentazione Toro Club Orfeo Pianelli e della mostra a lui dedicata

    Inaugurazione della mostra su Pianelli
    nello scorso giugno 2008

    Il Club invita i soci, i simpatizzanti,  i collezionisti giovedì 9 ottobre 2008 dalle ore 15

    Con l' occasione, sarà presentata la mostra “LA PRESIDENZA PIANELLI” con foto, quadri e cimeli inediti.

    Saranno presenti la Presidentessa Onoraria Cristina Pianelli, giocatori del Torino dell'era  Pianelli e dell’attuale dirigenza.

    Verrà offerto un rinfresco a tutti i partecipanti.
     

    Interessante l'idea di "aprire le porte" ai collezionisti: dal giorno dell'inaugurazione, il 9 ottobre, e ogni mese i collezionisti di materiale sul Torino Calcio potranno trovarsi nella sede del Club.

    Il Presidente del Club, Gianni Franco ci ha detto: «Ringrazio l’Agenzia di Assicurazioni “La Piemontese” di Carlo Manara, che ha offerto gli spazi. Vorrei che questa sede fosse viva e aperta agli appassionati, a iniziative benefiche e culturali anche assieme ad altri Club. Ad esempio, a partire dal 9 ottobre 2008, ogni secondo giovedì del mese i collezionisti di spille, stemmi, fotografie d'epoca, giornali, DVD, libri del Torino si incontreranno nella nostra sede; gli aggiornamenti saranno pubblicati sul nostro sito www.toroclubpianelli.eu ».

    AS

  • Questa casa non è un albergo - Mostra ad Alpignano (TO) - luglio 2008
    di Paola Fabris

    albergo di Alpignano Taverna Ponte Vecchio

    Non tutti sanno che l’attuale sede del municipio di Alpignano in passato è stata un albergo, la Taverna del ponte vecchio” di proprietà della famiglia di Orfeo Pianelli.

    La struttura lo dimostra ancora: la scalinata per raggiungere il primo piano è tipica degli alberghi, come lo è la terrazza spaziosa.

    Una volta sotto la scala era situata la reception, e nell’attuale sede URP c’era il bar.
    Il salone dell’anagrafe era il ristorante e la sede del consiglio comunale era la sala da ballo.

    "La mostra dedicata a Pianelli, allestita alle Riberi dal Toro Club Alpignano, squadra di cui divenne presidente nel 1962, racconta anche la storia dell’albergo. Sotto la gestione di Pianelli il Torino rispolverò la gloria grazie all’acquisto di Claudio Sala dal Napoli per circa 470 milioni, l’acquisto di Nereo Rocco che, sebbene non abbia vinto nulla, lasciò una notevole impronta nei suoi tre anni di permanenza nella panchina granata e l’oculata gestione del settore giovanile che portò alla scoperta di Paolo Pulici.

    Mostra Pianelli ad Alpignano (TO)

    Nel 1976 il Torino vinse lo scudetto. Per ora l’ultimo. Il binomio albergo-squadre di calcio per Alpignano era all’ordine del giorno.
    Basta vedere le foto esposte: Gianni Rivera, José Altafini, Giovanni Trapattoni.

    Non era raro imbattersi in qualche giocatore negli anni ’60 e ’70.
    Germana Castelli, volto noto della politica alpignanese ricorda quegli anni come una piccola “dolce vita”: «Ho un ricordo personale perché quando mi sono sposata nel 1965 ho fatto le foto con i giocatori, mio marito lavorava nell’albergo».

    Una città completamente diversa da quella di oggi, continua la Castelli: «Alpignano era davvero una città in cui c’era bella gente. A parte l’albergo, c’erano anche tanti altri punti di aggregazione: incredibile dirlo oggi ma avevamo tre cinema».

    Nella mostra è appeso anche un manifesto datato 1972: «Parla dell’ormai ex albergo.
    La sua chiusura ha significato la fine di un’epoca.
    Il fallimento dei  Pianelli, che avrebbero potuto dare un’impronta diversa all’economia e al nome della città, e la conseguente chiusura dell’attività per quelli della mia generazione ma anche di altre precedenti e seguenti ha segnato la fine degli anni in cui Alpignano aveva la nomea di città ricca di attrattive. O forse il mio è solo un discorso personale».

    Non è così: sono ancora molti a ricordare l’albergo, i personaggi, quando con i giocatori ti sedevi al bar senza guardie del corpo. Quando Alpignano era una città di villeggiatura.



  • "...tuti a l'han un Club, mi no" - 28 giugno 2008

    Inaugurazione Toro Club Pianelli

    A Villefranche-sur-Mer presso Nizza, in Francia, si è tenuta  l'inaugurazione  "francese" del Club intitolato al cavalier Pianelli e una  cerimonia commemorativa del compianto Presidente del Toro, alla presenza di numerosi Toro Club.

    Oltre al gemellaggio col Toro Club G. Ferrini di Nichelino (TO),  per l’evento è stata creata una cartolina da collezione con francobollo ed annullo francese, in tiratura limitata.

    Dopo l'incontro con i Club e con i tifosi, si è tenuta  la cerimonia al cimitero di Villefranche-sur-Mer, dove riposa il  Cavaliere: sulla sua tomba, vicino al mattone del Filadelfia, che contiene un poco di terra di quel campo di gioco, ora c'è anche il simbolo del suo Club.

    Le note del silenzio fuori ordinanza, mentre si scopriva il gagliardetto del Club tra le bandiere del Torino,   piemontese e italiana,  hanno dato il groppo alla gola alla piccola folla presente.

    Speciali e toccanti le parole di Cristina Pianelli su questo evento:

    "Il 4 maggio 1949 mio padre aveva 29 anni, tanti sogni e voglia di lavorare.
    Quando apprese alla radio la notizia della tragedia di Superga, sotto la pioggia salì in bicicletta alla Basilica. Credo che allora si innamorò ancora di più del Toro.

    Conosceva alcuni giocatori che vivevano in borgo San Paolo e diventare Presidente del Toro, nel 1963, fu per lui un sogno.

    Cercò di portare per tanti anni la sua squadra al meglio... fino alla conquista dello scudetto, cercato  ma per scaramanzia negato fino alla fine della stagione.

    Oggi, con la nascita del "Toro Club Pianelli" si colma una lacuna che Lui stesso sentiva, andando allo stadio: 

    "...tuti a l'han un Club, mi no"


  • Due parole con Sauro Tomà, giocatore del Grande Torino - 23 giugno 2008

    Me Grand Turin. Storia della squadra di calcio più forte del mondo  volume con firma del calciatore del Grande Torino Sauro Tomà

    Abbiamo avuto l'onore di incontrare un vero mito del Grande Torino, il giocatore spezzino Sauro Tomà,  che volentieri ha condiviso alcuni ricordi con noi, dagli inizi della carriera, ai momenti più difficili, alla vita di oggi.

    Non tutti sanno che ha cominciato a giocare all'interno dell'Arsenale Navale della Spezia, quando, diciottenne, lavorava con qualifica di "Tracciatore navale di sala", preparando lastre per riparare le navi da guerra ricoverate al Porto della Spezia.

    Notato e richiesto dallo Spezia, chiese l'autorizzazione ai genitori per giocare (il padre era emigrante in Argentina, in cui andò 3 volte), crescendo nel Rapallo (ancora ne ricorda la maglia bianconera) e nell'Eutella (maglia nera con bordi azzurri).

    Quando il presidente Ferruccio Novo gli chiese di venire a Torino, lui pose la condizione di potersi sposare con la sua fidanzata di guerra...
    E con i primi soldi, ci tiene a dire che aiutò subito i suoi genitori.

    Leggi il volume di Sauro Tomà a cura di Sergio Barbero "Me Grand Turin"! firmato in originale dal grande Giocatore!

    Ordina ora "Me Grand Turin" firmato da Sauro Tomà !

  • A Genova la  mostra “Football. L’età dei pionieri 1898-1908”: presto il Museo - 17 giugno 2008

    Fondazione Genoa 1893 

    Martedì 17 giugno 2008, nei locali della Fondazione Genoa 1893, si è tenuta l'inaugurazione della Mostra “Football. L’età dei pionieri 1898-1908”.

    La Fondazione considera
    la Mostra il primo importante segmento del più ampio progetto dedicato alla creazione del Museo della Storia del Genoa.


    Tra le squadre italiane, il Genoa è in possesso del più antico documento scritto attestante la data di fondazione (1893).
    Fra il 1898 e il 1929, ossia nella fase dei campionati nazionali antecedenti l'introduzione della Serie A a girone unico, quella ro
    ssoblù è la squadra che ha ottenuto il maggior numero di punti complessivi.

 

  • Un Parco dedicato al Grande Torino a Faenza (RA) - 14 giugno 2008

    Il 14 giugno a Ravenna, precisamente nella zona del campo sportivo Punta Marina Terme, è stata scoperta una Targa Commemorativa "Parco Grande Torino" .

    Nello stesso giorno alle ore 16, a Faenza, si è svolta la cerimonia di inaugurazione ufficiale della targa "Caduti di Superga - Grande Torino".

    L'impegno di molti mesi del Toro Club Faenza 1968 "Valerio Bacigalupo" è stato coronato dalla presenza di molti tifosi e di autorità di istituzioni pubbliche.

  • Lo stadio di Biella intitolato a Vittorio Pozzo - 9 giugno 2008
    di Lorenzo Carrus

    Lo stadio di Biella intitolato a Vittorio Pozzo

    Quando la storia inizia a viaggiare sui binari giusti.

    Finalmente un riconoscimento alla persona di Vittorio Pozzo, uno dei più grandi uomini dello sport italiano. Un uomo che con le sue vittorie ha scritto una parte della storia del calcio, conosciuto in tutto il mondo.

    La giornata della cerimonia inaugurale dello stadio di Biella a lui da ieri intitolato, inizia con la proiezione del Documentario:  “Quando il calcio Parlava Italiano” dove viene ripercorsa l’intera vita del grande  tecnico, allenatore e giornalista. Presenti i  familiari di  Vittorio Pozzo, l’amministrazione comunale della città di Biella e di Ponderano Biellese (città natale di Pozzo,). Tanti gli  ospiti illustri: Franco Ossola, Carla Maroso, Bruno Bernardi, alcuni campioni Olimpici del 1948, e una folta rappresentanza dei Club Granata 'Venaria Reale Granata', 'Orfeo Pianelli', 'Giorgio Ferrini Nichelino'.  Sono stati anche letti messaggi di saluto pervenuti dal presidente del Torino Urbano Cairo e della Juventus di G. Boniperti.

    Alle 17,30 precise il via  all'inaugurazione presso lo Stadio La Marmora di Biella, con taglio del nastro e accoglienza delle giovanili calcio di Biella e dei bersaglieri che hanno come sempre allietato e affascinato i presenti con la loro marcia a suon di musica.

    Con questo primo passo si è voluto dare inizio allo 'sdoganamento' di una figura molto importante del nostro sport, infatti dopo diversi anni di controversie la città di Biella con la sua giunta ha finalmente dato onori e meriti a Vittorio Pozzo iniziando quel processo di chiarimento 'dovuto' alla sua figura che forse per comodo o per pigrizia intellettuale  è sempre stata affiancata ad un periodo buio e poco  piacevole della nostra storia italiana.
    Accostamento, quello di Vittorio Pozzo con il fascismo, anche poco sostenibile sotto il profilo ideologico, dimostrabile anche dal ritrovamento di documenti dal quale risulta chiaramente che Vittorio Pozzo
    ha contribuito in quel periodo alla salvezza di tanti italiani perseguitati durante il periodo bellico.

    La grande umanità di Vittorio Pozzo è anche dimostrata dal rapporto paterno che egli aveva con molti dei suoi 'ragazzi' alcuni dei quali devono al suo insegnamento i successi conseguiti non solo nello sport ma anche nella vita lavorativa successiva agli impegni sportivi.

    In un paese come il nostro dove si stanno cercando valori per dare nuovo impulso allo sport e contrastare le forme di violenza ancora manifeste in certi settori del calcio, si dovrebbe pensare al passato e prendere insegnamento dalla storia di personaggi come Vittorio Pozzo che hanno dato molto alla nostra storia e lasciato un segno importante nel calcio italiano e internazionale.

    Vorrei concludere dicendo che spesso si giunge troppo in fretta alle conclusioni, vuoi per comodità vuoi per ignoranza, vuoi per scopi ideologici o per vera e propria cattiveria, senza pensare ai danni che tali valutazioni approssimative possono procurare all'immagine degli uomini, alla storia ed alle sue verità.

    Vittorio Pozzo è vissuto in un periodo oscuro della storia italiana dove svolgeva il suo ruolo e la sua attività da tecnico e giornalista e a questi compiti ha rivolto tutte le sue forze e il suo impegno raggiungendo traguardi importanti, a questo e a null'altro egli ha dedicato la propria vita.

     “La tragedia non è morire ma dimenticare”.

    Lorenzo Carrus

    Nota della redazione:

    Alberto Pozzo, figlio di Vittorio, attendeva da anni questo riconoscimento alla carriera del padre.
    Purtroppo, per pochi mesi, non ha avuto questa gioia; è mancato infatti a 76 anni nel gennaio 2008.

    Alberto Pozzo
    , di professione attore, nel suo ultimo lavoro ha preso parte al film "Il Divo" nella parte dell'avvocato di Andreotti.

    Il film, presentato all'ultimo festival di Cannes, è proiettato nelle sale in questi giorni.

     

    28 giugno: commemorazione del Presidente Pianelli a Villefranche sur Mer, Nizza (F)

    Il 28 giugno 2008 alle 15,30 nel Cimitero di Villefranche sur Mer presso Nizza, in Francia, alla presenza di vari Club del Torino sara' tenuta una cerimonia commemorativa del Presidente Pianelli.

    Per chi non desidera guidare, è stato disposto un servizio pullman da Torino, con andata e ritorno in giornata.

    L'evento è aperto a tutti i tifosi; tutti i Club sono benvenuti e possono contattare Il Toro Club Pianelli.

    Informazioni: Gianni, tel. 338.90.13.625 - contatti - Villefranche sur Mer (Nizza): cartina interattiva

  • Mostra su Pianelli dal 16 al 24 maggio a Torino
     
    "Orfeo Pianelli: il mio Toro"

    Da venerdì 16 maggio e fino a sabato 24 maggio resterà aperta a Torino, in Corso Vittorio Emanuele II 77, nella sede del Torino all'epoca della sua presidenza, la mostra "Orfeo Pianelli: il mio Toro" con foto, immagini inedite, dipinti originali, documenti e reperti d'epoca, altri ricordi.

    Presentazione Toro Club Orfeo Pianelli e della mostra a lui dedicata

     

    I Giorni del Toro - Piccola enciclopedia granata Inserisci un banner nel tuo sito o nel blog!    
 

100 Anni di Cuore Granata - triplo DVD: Piano dell'opera - Backstage - Guarda il trailer del triplo DVD - Ordina

 
©® 2006-09 100 Anni di Cuore Granata by Progetti Web, Torino, Piemonte, Italia | P.IVA 09509830015 | Testata giornalistica on-line iscr. Trib. Torino   n.60

home